Saut au contenu

Anp-Cia Arezzo: incontro con il Prefetto

Pensioni basse e servizi sociali nelle aree rurali i temi affrontati.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

ANP da più di quarant'anni assieme, per difendere i tuoi diritti!

 

There are no events to display
Retour

Anp-Cia Arezzo: incontro con il Prefetto

28 juin 2019

Anp-Cia Arezzo: incontro con il Prefetto

Una delegazione dell'Anp-Cia di Arezzo, composta dal Presidente, Domenico Baldi, dalla componente della Giunta, Luana Pianigiani e dal Direttore Cia, Giorgio del Pace, il 13 Giugno scorso è stata ricevuta dal Prefetto di Arezzo, Dott.ssa Anna Palombi.

L'incontro era stato sollecitato per illustrare al Prefetto, quale rappresentante del Governo sul territorio, il documento elaborato dall'Anp-Cia, contenente proposte e rivendicazioni nei confronti del Governo nazionale, per l'aumento delle pensioni basse.

Nell'esporre i punti salienti contenuti sul documento, sono state evidenziate le condizioni in cui si trovano, anche in provincia di Arezzo, migliaia di pensionate e pensionati costretti a vivere con pensioni minime di circa 500 € mensili,

Inoltre, i recenti provvedimenti del Governo in materia di pensione di cittadinanza, oltre a non risolvere il problema delle pensioni minime, produce ulteriori discriminazioni e disuguaglianze che suscitano fenomeni di risentimento sociale.

Infatti, i criteri di accesso alla pensione di cittadinanza finiscono per lasciare fuori da ogni beneficio la quasi totalità dei pensionati al minimo, ma cosa ancora più grave, non si fa distinzione fra persone che hanno pagato i contributi per l'intera vita lavorativa, i quali si troveranno a percepire una pensione inferiore a chi, invece, è privo di qualsiasi contribuzione previdenziale.

La proposta dell'Anp-Cia in materia di pensioni minime è di adeguare l'importo dell'integrazione al trattamento minimo dei Coltivatori Diretti, IAP e degli altri lavoratori autonomi e dipendenti a un limite non inferiore al 40% del reddito medio nazionale, come previsto dalla Carta Sociale Europea (circa 780 € mensili).

Oltre ai problemi di carattere previdenziale, sono stati evidenziati anche quelli di politica sanitaria e dei servizi sociali, che si fanno sempre più pressanti nelle aree rurali e interne del nostro territorio e gli anziani sono quelli che ne subiscono maggiormente le conseguenze, essendo spesso costretti a rinunciare alle cure, anche a quelle essenziali.

E' stato sottolineato che l'Anp-Cia intende battersi per affermare una sanità pubblica e universale che non costringa le persone a rivolgersi agli operatori privati.

Al termine dell'incontro, che si è svolto in un clima estremamente cordiale, il Prefetto ha mostrato di condividere le preoccupazioni dell'Associazione e si è reso disponibile a fare arrivare sui tavoli del Governo il documento integrale, approvato dall'Assemblea Nazionale Anp-Cia nella riunione di Bologna del 16 aprile 2019.

 

 


Banner Home Intestazione

  ANP da più di quarant'anni assieme, per  difendere i tuoi diritti!  

Titolo Chi Siamo

  "Più anni alla vita, più vita agli anni"  (Rita Levi Montalcini)

uando soffia il vento

  L'ANP-Associazione nazionale pensionati della Cia-Agricoltori Italiani persegue gli scopi di rappresentanza e tutela degli interessi dei pensionati, indipendentemente dalla categoria di...

Anp-Cia Marche: incontro con il Vice Prefetto Vicario di Ancona

L’Associazione nazionale pensionati è continuamente impegnata a sostenere le richieste dei pensionati con pensioni basse.

Anp-Cia Toscana Nord: incontro con il Prefetto di Lucca

Il Prefetto si fa promotore dell’apertura di Tavoli tematici per affrontare i problemi sollevati.