Skip to Content

Approfondimento news

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Anp-Cia di Ancona: in gita per non dimenticare

30 April 2019

Anp-Cia di Ancona: in gita per non dimenticare

Una gita organizzata dall'Anp-Cia della Provincia di Ancona, dal 24 al 27 Aprile 2019, tra Italia e Slovenia (nel triangolo Venezia Giulia, Istria, Dalmazia), con inizio a Caporetto per poi proseguire alla volta di Trieste, della Slovenia e della Croazia. Per conoscere e apprendere più da vicino spaccati di storia che hanno segnato il futuro di quelle terre: come ovunque, anche in quelle terre martoriate dalle guerre, sono stati sepolti migliaia di giovani e giovanissimi innocenti, prevalentemente figli dei contadini, artigiani e appartenenti a ceti meno ricchi.

Quindi, una gita per non dimenticare e per evitare che simili massacri non si ripetano più; per rinvigorire la solidarietà, il vivere civile, il rispetto umano, la fraternità e la libertà, proprio secondo quanto i nostri padri costituenti hanno voluto trasmetterci con la Costituzione Italiana, come ha voluto ricordare per l'occasione il Presidente provinciale Anp-Cia di Ancona, Marco Giardini.

In occasione del 25 Aprile, giorno in cui viene ricordata la Liberazione dell'Italia dal fascismo e dal nazifascismo, il numeroso gruppo di partecipanti (il pullman era al completo), ha potuto ascoltare l'appassionato racconto di Maria Santiloni (classe 1928, figlia di mezzadri) sulla sua giovinezza trascorsa durante la guerra, con i pericoli corsi dalla sua famiglia, le sofferenze della povera gente e dei contadini, stretti tra la morsa di chi cercava riparo nelle campagne e le minacce dei fascisti e dei tedeschi, che punivano con la morte chi si ribellava alla loro dittatura o nascondeva rifugiati e soprattutto partigiani in casa. Sono questi i fatti che hanno segnato e caratterizzato la formazione di Maria, sempre dalla parte dei più deboli per difendere la libertà e i diritti dei cittadini.

La visita guidata ha riguardato prevalentemente le città di Trieste, Obrov, Fiume, Izola, Abbazia e Capodistria, le attività di quelle terre, lo sviluppo culturale, il turismo crescente e la buona convivialità. Ma anche le bellezze architettoniche, i monumenti e le chiese storiche e il meraviglioso panorama costiero. 

Favorita anche dal bel tempo, la bellissima gita si è conclusa a Bologna, presso la Fabbrica Italiana Contadini (FICO), nello Stand della Ditta "Fileni", realtà marchigiana nota in tutto il mondo anche per il ‘pollo biologico' allevato in campo aperto. Una sosta onorata perfino dal saluto del mitico Oscar Farinetti, durante una breve visita alla sua "creatura" imprenditoriale FICO. Niente di meglio dei due famosi slogan di Farinetti per chiudere un viaggio memorabile: "Ricordiamoci il futuro" e "Sapere da dove arriviamo per decidere dove andare"!