Salta al contenuto

Pensioni: quattordicesima pagata il 1° luglio

Anp Cia Toscana che è stata in prima fila in questi anni con manifestazioni in tutta Italia e una petizione popolare che ha raccolto oltre 100mila firme

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Pensioni: quattordicesima pagata il 1° luglio

Un risultato Anp Firenze, 06 luglio 2017

E' finalmente arrivata il 1 luglio la sospirata quattordicesima mensilità per circa tre milioni e mezzo di pensionati. Un miglioramento atteso e invocato, nonché frutto di impegni e lotte da parte della Anp Cia Toscana che è stata in prima fila in questi anni con manifestazioni in tutta Italia e una petizione popolare che ha raccolto oltre 100mila firme (13.500 in Toscana) e presentata ufficialmente al Parlamento e al Governo lo scorzo anno.

Indubbiamente un risultato importante, che da sollievo a oltre tre milioni e mezzo di pensionati con trattamenti pensionistici al minino o sotto le mille euro. Sono infatti 1 milione e 250 mila i pensionati con prestazioni comprese tra i 750 e i mille euro al mese che la percepiranno, oltre alla crescita del 30% degli importi per circa 2 milioni di pensionati con prestazioni inferiori a 750 euro al mese.

Diamo atto al Governo e al Parlamento di aver fatto una scelta politica importante di attenzione verso dei ceti sociali che in questi anni anno sofferto e pagato più di altri il peso della crisi economica. «Tuttavia non basta – commenta Alessandro Del Carlo, presidente Anp Cia Toscana -; è un intervento che consideriamo "un acconto" sia nella quantità che nelle modalità. Intanto chiediamo al Governo e al Parlamento di dichiarare subito che tale intervento sia confermato nella legge di bilancio del 2018 e che sia considerato parte integrante delle prestazioni pensionistiche per i soggetti ai quali è oggi destinata. Inoltre per le pensioni minime non rinunciamo all'obiettivo indicato dalla Carta Sociale Europea, i cui criteri stabiliscono per l'Italia 650 euro mensili. Così come sul tema della indicizzazione delle pensioni siamo ancora a richiedere che sia adottato un sistema capace di individuare un paniere di stesa più rispondente ai consumi primari degli anziani, ovvero, beni alimentari, trasporti, energetici e sanitari».

L'Anp Cia Toscana, pur apprezzando lo sforzo che il governo ha fatto in una fase difficile dell'economia nazionale, considera ancora lontano l'obiettivo di una condizione soddisfacente per i pensionati e gli anziani nel nostro paese. Pensioni ancora troppo basse rispetto alle esigenze, servizi insufficienti, sistema socio sanitario non adeguato soprattutto nelle aree rurali e montane del paese. L'Anp Cia Toscana da sempre attenta e sensibile e sostenitrice verso le politiche per lo sviluppo economico e la crescita dell'occupazione, chiede al governo un forte impegno per recuperare risorse dalla lotta all'evasione fiscale e alla corruzione, nonché all'abbattimento di privilegi anacronistici che sono fonte d'ingiustizia e risentimento sociale; investendo invece sui soggetti bisognosi, come gli anziani, che sono una risorsa sociale importante per il paese.

 

Torna alle news