Salta al contenuto

Legge di bilancio: Anp-Cia incontra Serracchiani, serve mini-riforma per pensioni agricole

Anche APE sociale e 14ª al centro del webinar con la presidente della Commissione Lavoro della Camera.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Legge di bilancio: Anp-Cia incontra Serracchiani, serve mini-riforma per pensioni agricole

05 novembre 2020

Serve una "mini riforma" per le pensioni agricole. Lo chiede Anp, l'Associazione nazionale pensionati di Cia-Agricoltori Italiani, che oggi ha incontrato in webinar Debora Serracchiani, presidente della Commissione Lavoro della Camera.

L'incontro, che rientra nelle attività dell'Anp in vista della nuova Legge di bilancio, è stata l'occasione per sottolineare criticità e avanzare proposte sul tema.

"Una revisione del trattamento pensionistico per gli agricoltori è imprescindibile -ha dichiarato Alessandro Del Carlo, presidente nazionale dell'Associazione- per garantire giustizia ed equità sociale e per favorire il ricambio generazionale. Gli agricoltori con pensioni minime, che sono ancora le più basse, ferme a 515 euro, sono costretti a rimanere a lavoro nei campi fino a tarda età".

Per questo, tra le priorità che sono state discusse con Serracchiani, è entrato in prima battura l'innalzamento delle pensioni minime, che devono raggiungere almeno il 40% del reddito medio nazionale, come indicato dalla Carta Sociale Europea (650 euro). Inoltre, Anp ha indicato, come interventi fondamentali a sostegno della categoria, la stabilizzazione e l'aumento fino a 3 volte il minimo (1.520 euro mensili) della 14ª mensilità; l'alleggerimento della tassazione sulle pensioni; la modifica del meccanismo di indicizzazione con un paniere pensato sui reali consumi degli anziani, cioè beni alimentari, trasporti, spese sanitarie e servizi; la previsione dell'APE sociale per gli agricoltori, in modo da poter usufruire dell'anticipo pensionistico senza penalizzazioni.

Grande attenzione a misure e questioni sollevate dall'Anp da parte della presidente della Commissione Lavoro alla Camera, che si è detta pronta a lavorare per una strategia di politica sociale, attraverso interventi di sistema che vadano a migliorare i meccanismi vigenti, ad esempio per la 14ª mensilità e, nel futuro prossimo, per una revisione di "opzione donna" più favorevole alle lavoratrici.

All'incontro con Serracchiani, oltre al presidente nazionale dell'Anp Del Carlo, hanno partecipato i vicepresidenti Franco Fiori (Marche), Giovanna Gazzetta (Veneto), Anna Graglia (Piemonte), Franco Tinelli (Puglia).

 

Torna alle news