Salta al contenuto

Monitoraggio Servizi Sociali

Una grande risposta dai Comuni Padovani

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Monitoraggio Servizi Sociali

Padova, 15 febbraio 2016

Monitoraggio Servizi Sociali

Sono stati ben 93 su 104 i Comuni padovani che hanno risposto all'appello di Anp Cia nell'ambito dell'indagine sul gradimento dei servizi socio assistenziali forniti dalle amministrazioni, svoltasi attraverso un questionario inviato agli enti locali del territorio provinciale.

L'Anp-Cia di Padova esprime grande soddisfazione per questo risultato, riconoscendo la notevole isponibilità manifestata dai Comuni nel collaborare con l'associazione, rispondendo al questionario proposto e, in molti casi, anche accettando un confronto diretto sulle tematiche legate ai servizi socio-sanitari. "A nome di tutta l'ANP-CIA rivolgo un caloroso ringraziamento alle amministrazioni comunali per la loro disponibilità alla collaborazione - dichiara il Presidente di ANP Cia Padova, Dino Milanello - Ora il nostro lavoro sarà quello di elaborare tutti i dati raccolti, e organizzare pubbliche assemblee con i cittadini, Sindaci e Assessori al Sociale, per un dibattito costruttivo su quello che i comuni offrono alla cittadinanza e ai pensionati, nella consapevolezza che lo Stato trasferisce sempre meno risorse agli enti locali, riducendo quantità e qualità dei servizi alla popolazione".

Altro tema affrontato nel corso dell'iniziativa è stato quello della povertà, un fenomeno che si sta allargando a causa di molteplici fattori, a partire dalla perdita del potere di acquisto delle pensioni, dei salari, all'aumento dell'inflazione, dei tributi locali, del costo dei servizi anche sanitari.

L'ANP è molto preoccupata per la progressiva mancanza  del  rispetto dei  diritti  sociali  fondamentali  dei cittadini. Per l'associazione, anche un solo individuo in una situazione di bisogno è un'urgenza da affrontare immediatamente.

Il vero punto di partenza per capovolgere la situazione potrebbe essere la creazione di una rete  di protezione civile e sociale, che agisca in termini preventivi. Uno strumento più efficace e meno costoso, che sarebbe utile a limitare drasticamente il numero di coloro che finiscono nell'abisso dell'emergenza, della solitudine e dell'angoscia.

Il nostro ruolo è quello di rivendicare i diritti sanciti dalla Costituzione della Repubblica, di vigilanza e assistenza a tutti i cittadini, per una corretta applicazione della tutela sociale e sanitaria, in particolare nelle aree rurali.

Torna alle news