Salta al contenuto

Decretone: Cia, preoccupazione per le pensioni minime degli agricoltori

Secondo analisi di Anp e Inac, l'agricoltore che ha versato contributi prenderebbe meno di chi non lo ha mai fatto.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Decretone: Cia, preoccupazione per le pensioni minime degli agricoltori

Roma, 24 gennaio 2019

In attesa della pubblicazione del testo ufficiale, Cia-Agricoltori Italiani lancia un messaggio di allarme sul possibile effetto di alcune misure sulle pensioni minime agricole e sulla platea dei destinatari di quota 100. Auspichiamo -sottolinea Cia- che in sede parlamentare vengano apportati i dovuti correttivi al provvedimento legislativo e confidiamo in un intervento del Ministro Gian Marco Centinaio, attento alle problematiche del settore.

Da un'analisi del Centro Studi di Anp-Associazione nazionale pensionati di Cia e del Patronato Inac, la questione che maggiormente preoccupa è riferita alla pensione di cittadinanza, che parrebbe escludere i pensionati agricoltori, molti dei quali percepiscono un trattamento minimo di appena 513 euro, garantendo, invece, a coloro che non hanno versato contributi, assegni di importi superiori. Chi ha lavorato una vita in agricoltura, versando i contributi regolarmente, rimarrebbe, con una pensione ben al di sotto della soglia indicata dalla Carta Sociale Europea ovvero 650 euro/mese, che corrispondono al 40% del reddito medio nazionale.

A questa penalizzazione -segnalano Cia, Anp e Inac- si sommerebbe l'impossibilità per gli agricoltori di accedere all'APE sociale, ovvero andare in pensione a 63 anni di età con 36 anni di contributi, perché anche con questo Decreto l'agricoltura non verrebbe riconosciuta tra i lavori gravosi e usuranti. Mantenere le pensioni basse in agricoltura impedisce oggi il ricambio generazionale e favorisce lo spopolamento delle aree interne. Non è raro che gli agricoltori anche ultra settantenni continuino l'attività in azienda per raggiungere un reddito appena dignitoso. Questo scenario, se confermato -rilanciano Cia, Anp e Inac- dimostrerebbe la validità della proposta che portiamo avanti da tempo, puntando a determinare criteri di equità tra i pensionati. La Cia propone, infatti, di istituire una pensione base per tutti, cui vada aggiunta la quota ottenuta con il calcolo dei contributi versati.

Secondo l'analisi, infine, l'introduzione di Quota 100 e di Opzione Donna fanno vedere un cambio necessario di tendenza, rispetto alla Legge Fornero, anche se in mancanza di una visione organica del sistema pensionistico.

 

Torna alle news