Salta al contenuto

Covid: Anp-Cia, urgente il rilancio della campagna vaccinale

Tempi certi e più efficienza nell’organizzazione. Anziani e disabili categorie prioritarie.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Covid: Anp-Cia, urgente il rilancio della campagna vaccinale

19 marzo 2021

Bisogna riprogrammare e rilanciare la campagna di vaccinazione contro il Covid, con tempi certi, maggiore efficienza organizzativa e nel rigoroso rispetto dei criteri di priorità indicati dalle autorità sanitarie. È l'appello al Governo e alle Regioni lanciato da Anp, l'Associazione nazionale pensionati di Cia-Agricoltori Italiani, dopo il via libera ad AstraZeneca da parte dell'Ema.

La campagna vaccinale è un'azione decisiva per superare l'emergenza sanitaria, tutelare la salute di tutti e creare le condizioni per un ritorno alla normalità a livello sia economico che sociale -spiega Anp-. Le persone anziane stanno maggiormente soffrendo di questa situazione; la fragilità fisica e, spesso, l'isolamento sociale contribuiscono ad aggravare un disagio che si protrae ormai da lungo tempo. In questo senso, il vaccino non è solo un mezzo di difesa dal virus, è una speranza di rinascita e, per molti, anche il modo per poter recuperare senza paura il ruolo di nonni che accudiscono i nipoti contribuendo al sostegno delle famiglie. 

Ecco perché -ribadisce Anp- è necessario vaccinare gli italiani rispettando rigorosamente l'ordine delle categorie prioritarie indicato dalle autorità. Quindi è giusto proseguire con personale sanitario, forze dell'ordine, protezione civile, insegnanti, così come riprendere, in maniera più sistematica ed efficiente, con i soggetti più fragili con disabilità e con gli anziani per ordine di età e con patologie.

Anp-Cia plaude al comportamento del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, per le modalità con le quali si è vaccinato, rispettando il criterio di fascia d'età e senza privilegi: un messaggio di alto valore simbolico e civile. D'altra parte, il vaccino è un diritto fondamentale -ricorda l'Associazione- deve essere gratuito e accessibile a tutti senza discriminazioni né sociali né territoriali.

"Ci troviamo di fronte a una campagna di vaccinazione storica, senza precedenti nel nostro Paese -commenta il presidente nazionale Alessandro Del Carlo- perché riguarda tutta la popolazione in un contesto emergenziale, dove ogni giorno bisogna confrontarsi con il rischio di contagio. Serve rigore e responsabilità da parte di ognuno. Per questo Anp aderisce e fa proprio l'appello delle istituzioni a mantenere un atteggiamento responsabile e prudente, affinché l'azione dei vaccini possa essere efficace e traguardare il Paese fuori dall'emergenza ridando speranza a tutti".

 

Torna alle news