Salta al contenuto

Assemblea anp-cia est lombardia

Marino Rebuzzi riconfermato presidente, Alberto Voltolini di Brescia riconfermato vice presidente.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Assemblea anp-cia est lombardia

Sirmione, 08 marzo 2018

Nella mattinata dell' 8 marzo 2018 con i saluti del Presidente CIA Luigi Panarelli, si  è svolta l' assemblea  dell' ANP,  difronte alla  platea  dei delegati eletti nelle assemblee zonali   presso un noto ristorante di Sirmione.

"Una presenza più forte e più attiva dei pensionati nella società, e, di contro, una maggiore considerazione da parte delle istituzioni e della politica, considerando anche il nuovo quadro politico uscito dall' ultima consultazione elettorale,  con questi propositi Marino Rebuzzi, continua il suo secondo mandato come Presidente dell' ANP-CIA Est Lombardia. "Il mandato che mi appresto ad iniziare accoglie i contenuti del documento programmatico approvato dall' Assemblea nazionale del 13 febbraio u.s. integrandolo con le istanze che ci provengono dalle realtà territoriali in cui siamo inseriti. Ritengo indispensabile mantenere e consolidare la presenza dei pensionati  nella società civile, nonché il ruolo fondamentale che essi debbano avere in sede di scelte politico ed economiche-sociali nelle realtà locali."

L' azione del neo riconfermato Presidente si concretizza con un continuo lavoro di rivendicazioni e mobilitazioni per recuperare un disagio sociale accumulato e accentuato negli anni.

Dopo i risultati raggiunti, dopo varie iniziative: la 14^ mensilità sulle pensioni minime e l' elevamento della no tax-area nelle ultime leggi di stabilità, ribadisce, sostiene e rilancia alcune rivendicazioni prioritarie:

-rivedere il sistema pensionistico per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli;

- aumento delle pensioni minime come indicato dalla Carta Sociale Europea;

- ulteriore incremento della no tax-area;

- modifica del meccanismo d' indicizzazione delle pensioni;

- l' attivazione di servizi socio-sanitari nelle aree rurali e montane del Paese.

Dopo la relazione del Presidente, di notevole interesse culturale è stato l'intervento dello storico mantovano Dott. Agronomo Eugenio Camerlenghi, trattando un tema inerente alla storia dell' ANP-CIA, che si può sintetizzare nella realtà e trasformazione del mondo contadino dal dopo guerra ad oggi, dalle lotte mezzadrili, all' affitto per  arrivare all' imprenditoria agricola,  nella territorialità padana e che hanno visto negli anziani di oggi i veri protagonisti.

I lavori dell' assemblea sono stati conclusi dal Vice Presidente Nazionale ANP Alessandro Del Carlo, che ha ribadito come obbiettivo il rafforzamento politico ed organizzativo dell' ANP attraverso una diffusa e attiva presenza dell'Associazione su tutto il territorio nazionale.

Il protagonismo degli associati, la crescita dei gruppi dirigenti con particolare attenzione verso le donne pensionate, sono elementi decisivi per delineare scelte e indirizzi di carattere strategico , finalizzati ad arricchire l' iniziativa politico sindacale propria della missione sociale  per ottenere quelle rivendicazioni prima enunciate e dettagliatamente illustrate nel documento politico programmatico.

La struttura nazionale è impegnata in tutte le sedi istituzionali dal Parlamento al Governo alla Politica per avere una continua concertazione  ripresa in questi ultimi tempi, ed  a ricercare  una azione unitaria con le altre rappresentanze del mondo pensionistico del lavoro autonomo che si riconoscono in modo particolare nel CUPLA , oltre a quelle rappresentanze pensionistiche del lavoro dipendente. Solo così si riuscirà a dare una dignità e migliorare la qualità della vita dei pensionati.                                                                                 

Torana alle news