Salta al contenuto

Anp-Cia Abruzzo: incontro con i quattro Prefetti delle rispettive Province

I pensionati abruzzesi si mobilitano in tutta la Regione.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Anp-Cia Abruzzo: incontro con i quattro Prefetti delle rispettive Province

05 luglio 2019

Anp-Cia Abruzzo: incontro con i quattro Prefetti delle rispettive Province

Nell'ambito della grande mobilitazione promossa dall'Associazione nazionale pensionati della Cia, l'Anp-Cia Abruzzo si è attivata a riguardo con il massimo impegno, incontrando i quattro Prefetti delle Province abruzzesi.

Le Delegazioni hanno avuto udienza il giorno 11 Giugno con il Prefetto di Pescara, Dott.ssa Gerardina Basilicata, per proseguire il giorno 12 con il Prefetto di Teramo, Dott.ssa Graziella Patrizi; il 18 Giugno con il Prefetto de L'Aquila, Dott.re Giuseppe Linardi, e il 4 luglio con il Prefetto di Chieti, Dott.re Giacomo Barbato. Dopo aver consegnato ufficialmente a ognuno di loro il documento assembleare che Anp-Cia ha approvato durante l'assise nazionale di Bologna del 16 Aprile 2019, abbiamo esposto i punti principali del documento stesso, soffermandoci in particolare sugli aspetti pensionistici e su quelli sanitari. Le riflessioni e le argomentazioni addotte hanno suscitato il vivo interesse dei nostri egregi interlocutori, soprattutto in riferimento al fatto che le pensioni minime, principalmente quelle agricole, non hanno tratto alcun beneficio dalle recenti normative in materia di reddito e pensione di cittadinanza, anzi hanno paradossalmente aggravato l'iniquità a svantaggio di chi ha alle spalle decenni di duro lavoro e di contributi regolarmente versati.

Ha destato vero stupore lo scenario, da noi paventato con viva preoccupazione, che addirittura in regime contributivo puro le pensioni agricole di prima fascia, non potendo più godere nemmeno della soppressa integrazione al minimo, saranno inferiori a 300 euro mensili e nella maggior parte dei casi non avranno comunque accesso alla pensione di cittadinanza. Dopo aver ricordato la lunga azione rivendicativa di Anp-Cia sul tema della rivalutazione delle pensioni minime, culminata con le oltre centomila firme consegnate in Parlamento nel 2016, abbiamo focalizzato il tema altrettanto spinoso delle lacunose politiche socio-sanitarie nelle aree interne. Gli agricoltori, sia in attività che in pensione, dopo aver svolto manutenzione del territorio e provveduto ad assicurare l'alta qualità dei prodotti enogastronomici, non solo pagano pegno vedendosi riconoscere pensioni indecorose, ma sono costretti a patire anche l'inadeguatezza dei servizi (sanitari, ma non solo..) nelle aree rurali.

I quattro Prefetti hanno espresso sincero apprezzamento per la modalità con cui Anp-Cia, facendosi portavoce di un legittimo e diffuso malcontento, ha scelto di incontrare le Istituzioni per portare avanti le proprie rivendicazioni. Una modalità, hanno sottolineato, che denota la grande forza e il grande senso di responsabilità di Anp-Cia nel rappresentare i propri associati (368.000 in Italia, di cui quasi 28.000 in Abruzzo) e di tutelarne gli interessi. A tal proposito, i Prefetti hanno assunto l'impegno di inoltrare le nostre richieste e i contenuti del nostro documento assembleare al Presidente del Consiglio, al Ministro del Lavoro, al Ministro dell'Interno e all'Inps.

A tutti gli incontri hanno preso parte il Presidente regionale Anp-Cia Abruzzo, Dino Bruno, e il Segretario regionale Anp-Cia, Claudio Sarmiento, accompagnati dai Presidenti Anp-Cia L'Aquila-Teramo e Chieti-Pescara, Walter Ferrari e Valterio Paolucci, dai rispettivi Direttori Cia, Donato Di Marco e Alfonso Ottaviano, oltre che dai pensionati Giulio Contini e Alfonso Di Stefano. All'incontro iniziale con il Prefetto di Pescara ha partecipato anche il Direttore regionale Cia, Mariano Nozzi.